Sony HT-MT300: grandi emozioni in un corpo compatto

3 luglio 2017
Sony HT-MT300: grandi emozioni in un corpo compatto
Diffusori e Soundbar
0

Compatte, versatili e potenti, le soundbar Sony HT-MT300 e HT-MT500 soddisfano in pieno le moderne esigenze di home entertainment audio. Con noi in prova la più piccola e conveniente MT300.

Presentate a inizio anno, le Sony HT-MT300 e HT-MT500 sono le prime soundbar del costruttore giapponese ad avere una forma compatta e – con il subwoofer wireless compreso in entrambi i kit – mettono a disposizione dell’utente un sistema 2.1 canali efficace, elegante e minimal.
Grazie alle dotazioni di bordo, entrambe le soundbar Sony sono in grado di soddisfare tutte le moderne esigenze di home entertainment audio e, per merito delle linee minimal con angoli ammorbiditi da smussature ben realizzate, si prestano ad essere inserite in qualsiasi contesto di interior design, vuoi anche per la duplice livrea disponibile (nero antracite o bianco panna) senza sovrapprezzo.

Le HT-MT500 e HT-MT300 garantiscono un’esperienza acustica di elevata qualità, pura e naturale, e, grazie alle connessioni Bluetooth® e NFC – che permettono di riprodurre musica in streaming dallo smartphone con un semplice tocco – possono essere impiegate anche come evoluti speaker wireless per le playlist salvate nei propri dispositivi.

Design coordinato
La forma sottile è frutto di un’accurata progettazione che permette di posizionare la soundbar in salotto vicino al televisore, senza impedirne la visione né coprire il sensore a infrarossi. Nate da una nuova idea di compattezza, le soundbar MT500 e MT300 vantano linee estetiche, colori e materiali appositamente pensati per adattarsi al salotto di casa, nonché una finitura dello chassis dello speaker elegante e piacevole al tatto, dotata di rivestimento effetto pelle e griglia frontale opaca.

Audio coinvolgente
A dispetto delle dimensioni contenute, le soundbar Sony assicurano prestazioni eccellenti. Tutto merito della potenza disponibile (20W + 50W) e della tecnologia S-Force PRO Front Surround, che ottimizza i suoni con qualsiasi tipo di contenuto, simulando con efficacia un effetto surround simile a quello delle sale cinematografiche e rendendo ogni film estremamente coinvolgente.
E per un’esperienza di livello ancora superiore, basta attivare la modalità Sofa Mode, per sentire gli effetti delle basse frequenze quando il subwoofer è collocato sotto il divano, in posizione orizzontale. In alternativa, il subwoofer può essere posizionato anche in verticale vicino a un altro elemento dell’arredo, per colpire allo stomaco l’ascoltatore con i suoi bassi fermi e controllati.

Nell’HT-MT300 i formati audio supportati in ingresso sono il Dolby Digital e il Linear PCM 2ch per quanto riguarda le connessioni analogiche e digitali, con MP3, WAV e WMA9 tra i file riproducibili.
La porta USB consente poi di connettere i dispositivi USB compatibili (chiavette o HDD, purché formattati NTFS o FAT32), per una riproduzione svincolata da ulteriori controller.
Gli incontentabili possono puntare al modello superiore HT-MT500, che ha numerose funzionalità in più (tra cui la trasmissione Wi-Fi dual band, il Chromecast integrato) ma sostanzialmente presenta la compatibilità con i formati audio Hi-Res (e file via Bluetooth LDAC o AAC, oltre all’SBC) e il servizio Spotify Connect onboard.

 

LA PROVA D’USO
Installare il diffusore centrale e il sub è un affare da pochi minuti. Per quanto riguarda il primo, per ridurre l’ingombro generale Sony ha scelto la soluzione con trasformatore esterno, obbligando l’utente a trovare un angolo nascosto ove posizionarlo per evitare di vanificare gli sforzi iniziali. Se si ha la possibilità, invece, di occultare il sub in orizzontale sotto al sofà, se ne trarrebbe un grande vantaggio in termini di estetica (niente in vista), senza compromettere l’emissione acustica, poiché esiste una modalità d’utilizzo specifica che permette al woofer di comportarsi di conseguenza.
Tutte indovinate e apprezzabili le funzioni disponibili attraverso il telecomando per gestire l’emissione sonora: ci sono le modalità “Clear Audio+”, “Movie” e “Music” per ottimizzare l’acustica in funzione dei contenuti visualizzati. Molto comode, poi, le varianti “Night” per l’ascolto nelle ore notturne (con una sostanziale compressione della dinamica a favore della linearità sonora) e quella “Voice”, consigliata per enfatizzare ulteriormente i dialoghi dei film con una presa fonica non al top.
Il pairing di dispositivi Bluetooth, invece, è risultato rapido e immediato, con un’ottima sensibilità ricettiva e immune da interferenze del segnale pur da altra stanza. Data l’assenza di un display è più complesso, infine, l’ascolto di musica su dispositivi USB, che utilizza il metodo dell’ordine per data di registrazione (FAT32) o per cartelle/file (NTFS).

 

HT-MT300
Protocolli di trasmissione: Bluetooth 4.2 (SBC), A2DP 1.2, AVRCP 1.6
Consumo max: 25 W
Ingressi: audio digitale (ottico), analogico, USB-A
Potenza: 20W (soundbar), 50W (sub)
Protocollo Wireless: 2,4 GHz, FHSS
Altoparlanti: 2 speaker a cono 40×100 mm (unità principale); woofer 120 mm (subwoofer)
Note: telecomando in dotazione
Dimensioni (LxAxP): 500x54x103 mm (unità principale); 95x383x365 mm (subwoofer)
Peso: 1,4 kg (unità principale); 4,9 kg (subwoofer)

Prezzo: € 300,00

 

PRO
Look e dimensioni
Semplicità d’uso
Versatilità d’installazione

CONTRO
Assenza display
Non adatto per grandi ambienti
Ingresso ottico poco versatile

 

 

IL TEST IN BREVE

Estetica 8,5
Angoli ingentiliti da dolci smussature e linee pulite, essenziali. La compattezza aiuta a non occupare spazio eccessivo, permettendo alla soundbar di integrarsi nell’ambiente con discrezione.

Costruzione 7,5
Al tatto entrambi i componenti danno l’impressione di robustezza e solidità. L’alimentatore esterno e il plug audio digitale della soundbar, però, vincolano l’utente nell’installazione iniziale.

Versatilità 8,5
Il sub separato, se sotto al divano, neanche si vede. L’unità centrale, dal canto suo, consente un facile abbinamento a dispositivi Bluetooth. Si avverte la mancanza di un display, seppur minimo.

Prestazioni 7
Ben al di sopra dell’audio dei migliori maxi TV, la soundbar è dotata di preset intelligenti che migliorano l’emissione acustica in funzione del tipo di utilizzo. Il sub fa adeguatamente il suo dovere.

Rapporto Q/P 8,5
Un sistema 2.1 canali fatto bene, che può bastare sia per i film che per la musica da condividere. Con l’unità per i bassi wireless come in questo caso, i bonus aumentano.

www.sony.it