BenQ W5700 – Videoproiettore DLP 4K. SICURO BEST-SELLER

3 Dicembre 2020
BenQ W5700 – Videoproiettore DLP 4K. SICURO BEST-SELLER
Videoproiettori
0

Presentato insieme al fratellino W2700 nel corso dei primi mesi del 2019, il W5700 continua ancora oggi rappresentare una delle migliori proposte (se non la migliore!) nell’ambito della sua categoria. Merito della sua qualità intrinseca e delle tante funzioni di ottimizzazione delle immagini di cui fa uso


BenQ W5700 › Videoproiettore DLP 4K › € 2.699,00 › www.benq.it


PRO
Qualità delle immagini
Lens shift h/v
Ottica completamente in vetro

CONTRO
Buon Livello del nero,ma non ottimo


Era il mese di febbraio 2019 quando ad Amsterdam, durante lo svolgimento dell’ISE all’hotel Okura è stato presentato alla stampa specializzata il videoproiettore W5700 unitamente al fratellino W2700. Già allora sono state subito evidenti le potenzialità dei due vpr, e in particolare, ovviamente, del 5700 che ospitiamo su queste pagine. Il modello in questione appartiene per così dire a una fascia di medio prezzo per quanto riguarda i vpr 4K andandosi a porre un gradino sopra le tante proposte entry level (di cui lo stesso W2700 fa parte) e i modelli top, macchine molto sofisticate ma dal prezzo anche proibitivo (come il W11000 della stessa BenQ).

Obiettivo del 5700 è invece quello di proporre una qualità delle immagini comunque elevata, con risultati vicini a quanto offerto dai modelli più costosi, ma a un prezzo tutto sommato ancora facilmente raggiungibile da chi è intenzionato a sostituire il proprio vpr full HD per passare al 4K. Il W5700 è un DLP XPR tra i primi ad adottare quindi le nuove matrici DMD full HD da 0,47” definite “quad vobulation” (visualizzazione di quattro pixel per ogni microspecchio), in grado di riprodurre con realismo e sorprendente qualità anche le immagini a risoluzione nativa 4K. Queste nuove matrici presentano la peculiarità di eliminare la luce spuria ai bordi dell’immagine a tutto vantaggio di un quadro più uniforme e dettagliato anche lungo i bordi.

Il W5700 oltre a essere compatibile con il formato HDR10 (destinato alla codifica dei Blu-ray 4K) estende la sua compatibilità al formato HDR broadcast, definito HLG (hybrid Log Gamma), quello utilizzato dagli operatori televisivi per le trasmissioni in 4K. La gestione delle curve HDR è ottimizzata tramite il sistema HDR Pro di BenQ. La gestione del colore è uno degli aspetti in cui gli ingegneri BenQ hanno puntato particolarmente su questo modello.

Già da alcuni anni, l’azienda ha adottato un sistema di gestione e ottimizzazione della colorimetria denominato CinematicColor. Questo sistema lavora perfettamente in abbinamento alle nuove matrici RGBRGB e consente al vpr di coprire il 100% dello spazio colore REC:709 e anche del più esteso DCI:P3, per un risultato dal punto di vista della qualità cromatica immediamente percepibile.

Inoltre, va segnalato che diversamente da quanto avviene normalmente per i vpr di questa categoria, in cui non vengono eseguite tarature in fabbrica, se non le più elementari, ogni W5700 esce dagli stabilimenti dotato di una propria scheda con i dati dei test e calibratura eseguita. Uno dei punti di forza del W5700 è la presenza dell’ottica interamente in vetro, con lens-shift orizzontale e verticale e obiettivo zoom 1,6x.temperatura colore, gamma, livello del nero, livello del bianco, grigi, color tacking RGBCMY, tonalità, saturazione, luminosità, uscita da diverse interfacce basate su DCI-P3 e Rec:709, calibrazione visiva ISFccc). Il tutto è certificato singolarmente per ogni proiettore. Un’ulteriore garanzia per chi acquista che in tal modo sa di poter contare su un prodotto perfettamente calibrato e messo nelle condizioni di restituire il massimo dal punto di vista della qualità delle immagini.

Altri importanti aspetti del vpr riguardano la parte ottica formata da un obiettivo basculante che può essere spostato sia verticalmente (+/-60%) che in orizzontale (+/-23%). Questo consente ovviamente una versatilità superiore nelle fasi di installazione del prodotto che risultano estremamente semplificate dalla presenza…

L’articolo completo è disponibile su HC #88 in edicola o su abbonamento >>>