Klipsch RF7 III – Diffusori acustici – Emozioni sotto controllo

14 Dicembre 2019
Klipsch RF7 III – Diffusori acustici – Emozioni sotto controllo
Diffusori e Soundbar
0

Terza versione per uno dei progetti acustici moderni più apprezzati dell’azienda statunitense. Altissima dinamica ed estesa risposta in frequenza per prestazioni da brivido, tanto nel due canali che nell’home theater


COSTRUTTORE Klipsch, USA
DISTRIBUTORE MPI Electronic, Tel. 02/029361101 – www.mpielectronic.com


PRO
• Dinamica travolgente
• Perfetti per l’home theater
• Nuovi tweeter più musicali
CONTRO
• Dimensioni
• Prezzo impegnativo


 

I nuovi RF7 III sono progettati e assemblati negli Stati Uniti da artigiani di Hope in Arkansas (USA)

Non è certo nuovo il marchio fondato dal colonnello Paul W. Klipsch nel realizzare progetti acustici straordinari, destinati, in virtù anche di una semplicità progettuale comprovata, a lasciare un segno nella storia dell’alta fedeltà. È stato così per alcuni dei progetti più significativi del passato, com i mastodontici Klipschorn e dei tanti progetti che a questi speaker hanno ruotato intorno come i potenti Cornwall o gli apprezzati sistemi acustici La Scala; progetti che hanno lasciato un segno e che ancora oggi, dopo oltre mezzo secolo, sono ancora in produzione nelle versioni più aggiornate.

Lo stesso vale per altri progetti di dimensioni più contenute e prezzi più raggiungibili, come gli Heresy, Fortè, Chorus, tutti giunti alla loro terza versione, come pure per gli speaker che ospitiamo in prova su queste pagine, gli RF7, sigla ben conosciuta e apprezzata dagli appassionati di una “certa” alta fedeltà e dell’home theater. Se infatti dal punto di vista di parametri quali profondità della scena acustica, tridimensionalità nella riproposizione dell’evento e altre definizioni simili forse non possono essere equiparati ai più blasonati progetti “hi-end” presenti sul mercato, dal punto di vista della dinamica, risposta in frequenza, tenuta in potenza, non ce n’è davvero per nessuno.

Il sistema di caricamento posteriore dei woofer è indipendente per ogni altoparlante,e prevede la presenza di un doppio condotto reflex con geometria Tractrix.

Uno spaccato del nuovo driver a compressione da 44 mm per la riproduzione delle alte frequenze.

Del resto i numeri parlano chiaro: questi diffusori sono capaci di una sensibilità di 100 dB e fino a 1000 watt di potenza applicabile (valore di picco): è quindi facile immaginare di cosa siano capaci dal punto di vista elettroacustico. Numeri che si traducono in una dinamica impressionante, con bassi profondissimi che fanno di questi speaker un ottimo progetto anche per per la sonorizzazione di un sistema home theater.

Ma gli RF7 in questa più recente versione non sono soltanto muscoli e vibrazioni: nel corso degli anni il costruttore ha affinato molto i driver e i materiali utilizzati, ma è soprattutto con questa terza versione che le prestazioni hanno fatto un vero balzo in avanti, grazie all’adozione dei nuovi tweeter a compressione con diaframma in titanio da 44mm, tromba di forma circolare rivestita in gomma e non più in plastica, per attenuare risonanze e riflessioni alle frequenze più alte, al fine di offrire una riproduzione più lineare nonostante l’altissima efficienza del driver utilizzato.

La gamma bassa è affidata a due woofer da 25 cm ad alta efficienza, con cono in Cerametallic, con doppia struttura magnetica, cestello in lega di alluminio, robusta sospensione in gomma e condotto di accordo reflex “Dual Tractrix” con uscite indipendenti per ognuno dei due woofer. I due condotti Tractrix offrono un passaggio dell’aria dall’interno verso l’esterno più efficiente e silenzioso, migliorando la linerarità e l’estensione della risposta alle frequenze più basse. Imponente, soprattutto in altezza e profondità, il mobile dei due diffusori supera i 120 cm di altezza, con il baffle anteriore che una volta montato il piedistallo risulta leggermente inclinato all’indietro, per garantire la corretta angolazione di riproduzione. Le finiture disponibili, tutte in vera essenza lignea, sono tre, frassino nero, ciliegio e noce.

L’articolo completo è disponibile su HC #85 in edicola o su abbonamento >>>