L’energia della fenice

21 Aprile 2016
L’energia della fenice
Risparmio energetico
0

Il sistema di automazione descritto in questo articolo ha vinto il titolo di “Miglior progetto KNX nazionale per il 2015”. Riconoscimento più che meritato. L’impianto ha trasformato a tal punto l’abitazione che non si parla più semplicemente di riqualificazione energetica. Ma di una vera e propria risurrezione

L’articolo che avete appena iniziato a leggere non è soltanto la descrizione di un sistema di automazione. È la storia di una conversione e di una risurrezione. Di una conversione, per la precisione di una conversione energetica, perché a lavori ultimati l’abitazione in cui il sistema è stato
installato è balzata dalla classe di efficienza più bassa, la G, alla A+, un salto spettacolare.

Di una risurrezione, dicevamo, perché alla fine la casa appare radicalmente diversa da com’era prima: è in grado di produrre da sé tutta l’energia elettrica e termica di cui ha bisogno. Non dipende più dai fornitori nazionali, e in questo senso è un’abitazione autarchica, autosufficiente, o se preferite assoluta, nel senso etimologico di “ab-solutus”, che vuol dire sciolto, non legato.

Uno degli ingressi dell’abitazione: si riconosce una delle postazioni videocitofoniche esterne 2N Helios IP, dotate di contatti per apriporta, controllo accessi integrato e alimentazione PoE 802.3af.

Uno degli ingressi dell’abitazione: si riconosce una delle postazioni videocitofoniche esterne 2N
Helios IP, dotate di contatti per apriporta, controllo accessi integrato e alimentazione PoE 802.3af.

FOTOVOLTAICO E SOLARE TERMODINAMICO

Situata nel nord est della nostra penisola, l’abitazione di cui stiamo parlando è una villa su tre piani circondata da un giardino pieno di piante e alberi ad alto fusto, per una superficie complessiva di 400 mq. L’impianto, realizzato dalla Amadeus Network Solution di Montebelluna, su progetto dello Studio Tecnico Palamidese, si basa sullo standard KNX, scelto – così si legge nella scheda di presentazione –

«per la flessibilità di installazione, la possibilità di comunicare su linea TP/IP, l’affidabilità dei dispositivi certificati e la struttura a intelligenza distribuita che permette di comunicare direttamente attraverso il bus  senza la necessità di un server di supervisione».

L’impianto ha partecipato al KNX Italia Award 2015, dove ha vinto il titolo di “Miglior progetto KNX nazionale” (vedi riquadro nella
pagina successiva). L’opera rientra nell’ambito di DomusManager.it, un progetto di riqualificazione energetica curato da VP Solar, un’azienda trevigiana che commercializza componenti e sistemi per lo sfruttamento delle energie rinnovabili. Per questo cominceremo a descrivere il sistema proprio dalla sezione per la produzione di energia, forse la più importante di tutte, senza nulla togliere alle altre. Tale sezione è
costituita da un’unità SmartFlower POP, da 45 pannelli fotovoltaici Kyocera KD205-GH2P, da 12 pannelli solari termodinamici Energie
modello Solar Block 12, da un accumulatore Samsung ESS da 3,6 kWh e da tre inverter, un SMA Sonny Boy 3000-IT, un Mitsubishi PV-PNS04ATL2- IT e un Power-One Aurora PVI-3600-IT.

amadesu3

Uno scorcio del giardino visto dall’interno dell’abitazione: sulla parete di sinistra si riconosce il touchscreen GP Tecno DPC15A-374-TU-DM2G, con una mappa grafica generata dal software Leviton S/A OmniTouch Pro.

Particolarmente interessanti lo SmartFlower e i Solar Block, cui dedichiamo degli approfondimenti nei rispettivi box (vedi). Qui ci limitiamo
a dire che la potenza complessivamente fornita dal sistema ammonta a 15 kW, sufficienti a rendere pienamente autonoma l’abitazione
dal punto di vista energetico.

amadeus4

LEVITON OMNIPRO II, CENTRO DI GRAVITÀ DELL’IMPIANTO DI AUTOMAZIONE

Il sistema di automazione ruota attorno a un HAI Leviton OmniPro II, pluripremiato controller capace di gestire 176 zone sicurezza, 31
zone luci, 64 termostati e 16 controlli accessi. L’OmniPro II è collegato a diverse linee conduttrici, ciascuna delle quali costituisce un
ramo del sistema di automazione. Cercheremo ora per quanto possibile (l’impianto è davvero complesso) di seguire ciascuno di questi rami, a partire dal bus KNX lungo il quale sono connessi una novantina di moduli ABB: nello s hema fornitoci da Amadeus riconoscono un alimentatore SV/S 30.640.5, un modulo US/E1 per la protezione dalle sovratensioni, un IP router IPR/  2.1, un’unità logica ABL/S 2.1, un’unità WZ/S 1.1 con ingresso per la stazione meteo, delle interfacce per i pulsanti e un display panel DLP. E ancora: un Network Solution (qui non pubblicato) si iconoscono un alimentatore SV/S 30.640.5, un modulo US/E1 per la protezione dalle so-vratensioni, un IP router IPR/S 2.1, un’unità lo-gica ABL/S 2.1, un’unità WZ/S 1.1 con ingres-so per la stazione meteo, delle interfacce per i pulsanti e un display panel DLP. E ancora: un gateway DALI DG/S 1.1 per il controllo luci, un attuatore ottuplo IO/S 8.6.1.1 per la ge-stione delle motorizzazioni (tende, tapparelle, ecc.) e quattro switch multipli SA/S 2.10.2.1 per il controllo delle prese elettriche, delle elettrovalvole e dell’on/off luci. A supporto dell’OmniPro II sono schierati tre access point 802.11n dual band Ruckus ZoneFlex R300, uno switch LAN a 48 porte Hewlett Packard HP 1620-48G, uno switch Fast Ethernet a 24 porte Hewlett Packard HP 1920 e un firewall WatchGuard T30.

SENSORI, VIDEOCAMERE   E NETWORK RECORDER:   LA CASA È AL SICURO

una delle nove postazioni TV Samsung installate nella casa

una delle nove postazioni TV Samsung installate nella casa

All’OmniPro II sono inoltre collegati, attraverso una scheda di espansione ingressi Leviton, i sensori del sistema di allarme/antintrusione: in totale si contano 4 sensori volumetrici in-door Bosch ISC-BDL2-WP12G, 4 sensori Bosch ISC-PDL1-WA18G, 2 rilevatori TriTech panora-mici Bosch ISC-DS9370, 12 rilevatori IR da sof-fitto Pyronix Octopus EP, 16 sensori IP a effetto tenda, 8 sensori perimetrali Optex OP-BX80N, numerosi contatti magnetici per infissi e di-versi sensori di calpestio disseminati nel giar-dino circostante e nei vialetti. Fanno ancora parte del sistema di allarme/antintrusione/videosorveglianza una console Leviton S/A 33A00-3, un lettore card crittografato Leviton S/A 75A00-1, una scheda di espansione Le-viton S/A 17A00-8, due keypad outdoor per controllo accessi Leviton S/A 54A00-1, 12 key tag Leviton S/A, due lettori di prossimità per card e tag Leviton S/A 75A00-2, un combina-tore GSM e una sirena d’allarme.

La video-sorveglianza è garantita da 8 videocamere IP GeoVision GV-BL53101 e da una centrale di controllo Full IP GeoVision GV-Tower NVR System; il segnale delle videocamere è in-viato a uno switch Gigabit a 8 porte GeoVi-sion GV-POE0810 che pilota il Network Video Recorder. L’uscita di quest’ultimo è colle-gata a una matrice 4K HDBT HDanywhere MHUB4K44, attraverso la quale il registratore invia i segnali ai TV disseminati per la casa, che possono quindi funzionare anche da monitor per videosorveglianza. L’abitazione è così non soltanto autosufficiente dal punto di vista energetico, come abbiamo visto, ma anche sicura, protetta dalle intrusioni di ma-lintenzionati non meno che dagli attacchi informatici.

In quest’immagine si riconoscono alcuni interruttori con piastre di copertura ABB serie Mylos KNX: gli interruttori sono collegati lungo un bus costituito da due coppie di conduttori da 0,8 mm intrecciate e schermate.

In quest’immagine si riconoscono alcuni interruttori con piastre di copertura ABB serie Mylos KNX: gli interruttori sono collegati lungo un bus costituito da due coppie di conduttori da 0,8 mm intrecciate e schermate.

RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RIPRESA ECONOMICA

Il comfort ambientale è garantito da un im-pianto di condizionamento Zehnder VMC (Ventilazione Meccanica Controllata). Inte-grato nel sistema di supervisione attraverso il bus KNX, il sistema Zehnder utilizza l’aria come fluido termovettore a bassa inerzia e transitori veloci; la portata è di 500 metri cubi all’ora. L’impianto dispone di 19 termostati collocati in altrettante zone della casa, che consento-no un controllo capillare della temperatura e dell’umidità. L’abitazione è inoltre servita da un impianto videocitofonico Full IP costituito da due postazioni esterne 2N Helios IP e da un telefono per videoconferenze Grandstre-am GXV3140. Come interfaccia utente/im-pianto sono utilizzati un touchscreen da 15” GP Tecno DPC15A-374-TU-DM2G con sistema operativo Windows XP, un software per la cre-azione di mappe grafiche  Leviton S/A  Omni-Touch Pro e alcuni iPad e iPhone.


INSTALLAZIONE REALIZZATA DA…

Amadeus Network Solution S.r.l.
Vicolo Boccacavalla, 30 – 31044 Montebelluna (TV)
tel: 0423/604480
www.amadeusns.net
Persona di riferimento: Alessandro Clari
Studio Tecnico Palamidese
Via dei Da Prata, 14 – 31100 Treviso
tel: 0422/303480
www.studiopalamidese.com