Magnat Transpuls 1500. FORTI EMOZIONI A BASSO PREZZO

21 Settembre 2020
Magnat Transpuls 1500. FORTI EMOZIONI A BASSO PREZZO
Diffusori e Soundbar
0

Tanta dinamica e forti emozioni per questa coppia di diffusori firmati Magnat che sono andati oltre le aspettative non solo per potenza ed esuberanza della riproduzione, ma anche per controllo ed equilibrio agli estremi gamma


Magnat Transpuls 1500 › Diffusori acustici › € 998,00 (coppia) › www.mpielectronic.com


PRO
Riproduzione live e home
theater ad alta emozione
Rapporto qualità/prezzo

CONTRO
Altoparlanti piuttosto basici


 Se la linea Transpuls non rappresenta certo una novità per il costruttore di origini tedesche, non altrettanto si può dire di queste nuove Transpuls 1500, diffusori ad alta dinamica che si vanno a imporre in un mercato, quello dei diffusori “old style” oramai quasi del tutto scomparso dai listini dei costruttori.

I tradizionali box parallelepipedi sviluppati in altezza e larghezza piuttosto che in profondità sono infatti un retaggio di un glorioso passato che negli anni ‘70 e ‘80 ha dominato la scena dell’hi-fi con prodotti anche molto validi. Una tendenza che è andata scomparendo nei decenni successivi con la comparsa dei diffusori a torre e di minidiffusori da stand che hanno preso il posto dei gloriosi bookshelf degli anni ‘70. I transpuls 1500 riprendono invece proprio quel look tipicamente vintage, anche se ingentilito nei tratti, caratterizzati come sono da dimensioni quasi proibitive per un moderno appartamento e dalla presenza di altoparlanti (ci riferiamo in particolare al woofer, da ben 38 cm di diametro) che sarebbe difficile racchiudere dentro cabinet dalla forma più attuale.

Anche l’impostazione tecnica evidenzia un approccio decisamente “old style”, improntato innanzitutto al raggiungimento di prestazioni “quantitativamente” importanti. Ci riferiamo alle non indifferenti doti in termini di dinamica, risposta in frequenza, potenza sopportata, che trovano riscontro quasi esclusivamente in progetti acustici di impostazione professionale e che fanno di questi speaker degli ottimi partner in sistemi home theater, per la ripduzione di colonne sonore Dolby/Dts o magari di concerti dal vivo riprodotti davvero in modo emozionante in virtù di una sensibilità di ben 95 dB e una potenza massima sopportata che si aggira su valori prossimi ai 500 Watt (amplificatore consigliato 30-500 W). Numeri che si traducono in forti emozioni in ambito home theater, così come nell’ascolto di registrazioni live in stereofonia.

Sotto, la costruzione è molto semplice ma ben eseguita; di sufficiente spessore la struttura in mdf, rinforzata internamente. il midrange non dispone di un proprio volume, ma è chiuso posteriormente.

La dotazione tecnica dei diffusori prevede, in un sistema reflex a doppio condotto di accordo anteriore, un woofer da 15 pollici con cono e sospensione in carta trattata, un mediobasso da 6,5 pollici, anch’esso in carta e un doppio tweeter a cupola installato all’interno di una piccola tromba a correzione di fase a sviluppo verticale. Il mobile, abbastanza robusto, è realizzato in mdf di medio spessore e risulta ben rifinito con un foglio vinilico di buona qualità color legno scuro.

I morsetti posteriori non prevedono la possibilità di pilotare i diffusori in bi-wiring (ma sinceramente non se ne sente l’esigenza), ma sono comunque di discreta qualità. Le frequenze di incrocio delle tre vie sono state fissate a 920 e 4.500 Hz, con una pendenza di taglio di 12 dB per woofer e midrange e 18 dB per il tweeter.

L’articolo completo è disponibile su HC #87 in edicola o su abbonamento >>>