SI SENTE (BENE), MA NON SI VEDE…

3 Agosto 2021
SI SENTE (BENE), MA NON SI VEDE…
Diffusori e Soundbar
0

K-array Kamut 2L14W › Sistema satelliti+ampli+sub › € 2.806,00 › www.exhibo.it


PRO
Costruzione e finiture
Prestazioni/dimensioni

CONTRO
Prezzo dell’intero sistema


L’errore in cui si potrebbe incorrere una volta aperta la confezione del sistema K-array Kamut 2L14W giunto in redazione è quello di pensare di avere a che fare con uno dei tanti sistemini compatti di origine orientale che affollano le offerte del web o gli scaffali dei grandi magazzini dell’elettronica. Questa impressione però viene subito disattesa nel momento in cui iniziamo ad aprire i vari imballi interni e prendiamo in mano i componenti.

Le dimensioni dei vari elementi che formano il sistema sono incredibilmente contenute, ma la sensazione è esattamente l’opposto a quanto affermato un attimo fa: si nota infatti un livello della realizzazione decisamente superiore, un attenzione verso i dettagli quasi maniacale che pongono lontano anni luce questo sistema dalle economiche realizzazioni orientali. In questo caso possiamo affermare, senza paura di essere smentiti, di avere tra le mani un sistema professionale che occupa uno spazio di pochi centimetri quadrati. E questo vale ovviamente per i satelliti ma anche per l’ampificatore e l’incredibile subwoofer facente parte del sistema.

Andiamo però con ordine: K-array Kamut 2L14W è un sistema audio formato da due micro-satelliti modello Lyzard KZ14, un amplificatore wi-fi Kommander KA02, un subwoofer Truffle-KTR25. I satelliti misurano 2,2x10x1,08 cm, il subwoofer misura 15,15×14,5×25 cm e adotta un woofer da 13 cm e un driver passivo dello stesso diametro. L’unità di controllo con amplificatore in classe D Kommander è connessa in wi-fi e Blutooth ed eroga 4×50 watt (4 Ohm). Il pannello posteriore dell’unità Kommander è pieno di prese di ogni genere: ingressi analogici sbilanciati (mini jack da 3,5 mm) e bilanciati (connettori Phoenix) ingresso digitale ottico, 4 porte USB-A 2.0, porta Ethernet.

Seguono le uscite per gli altoparlanti, anche queste realizzate con connettori a vite Phoenix. Un particolare di non poco conto: il sistema è pensato per essere utilizzato direttamente dagli utenti finali, pertanto è praticamente pronto per l’uso già alla prima accensione. Il controllo delle funzionalità (tra cui anche un comodo circuito di equalizzazione) avviene tramite app scaricabile dagli store online.

I piccoli satelliti nella versione Lyzard KZ14 sono un concentrato di tecnologia; dispongono di un array formato da 4 micro-altoparlanti da 0,5” in grado di raggiungere un spl di ben 98 dB di picco. La soluzione adottata dall’azienda in questi micro-diffusori, denominata PAT (Pure Array Technology), è formata da sorgenti sonore a gamma completa ravvicinate con le caratteristiche di un array puro. L’ultilizzo di altoparlanti a gamma intera (senza la necessità di filtri e altoparlanti per le alte frequenze), l’assenza di porte reflex o radiatori passivi, permete di ottenere una risposta di fase perfetta sia nel campo vicino che in quello lontano.

Tutte le sorgenti sonore dell’array sono identiche e perfettamente accoppiate realizzando un vero line-array, con il vantaggio di avere il fascio sonoro irradiato dalla colonna molto ampio sul piano orizzontale e molto stretto sul piano verticale. La quantità di energia inviata verso il soffitto e il pavimento viene quindi ridotta al minimo migliorando notevolmente l’intelligibilità in luoghi altamente riverberanti, come luoghi di culto e sale conferenze.
Le colonne PAT possono essere unite per creare array più lunghi. Più esteso è l’array, più stretto è il raggio sonoro e maggiore è la distanza che può essere coperta in modo uniforme.

Arriviamo al subwoofer Truffle KTR-25; un gioiellino per costruzione e prestazioni capace di scendere fino a 45 Hz (-6 dB), ma soprattutto in grado di raggiungere ben 115 dB di SPL (picco).

Alla resa dei conti, dopo la necessaria installazione, avvenuta veramente in poco tempo, abbiamo potuto apprezzare il sound di questo sistema, molto equilibrato e ben diffuso in ambiente e incredibilmente potente se rapportato alle dimensioni dei vari elementi. Riteniamo che il sistema k-array rappresenti una proposta indicata per punti vendita, locali commerciali, hall di alberghi, ristoranti dove si richieda un sottofondo musicale di qualità, ma che possa essere utilizzata convenientemente anche nel caso in cui si voglia sonorizzare adeguatamente uno o più ambienti domestici (abbinando più amplificatori Kommander) con un impatto ambientale dei prodotti quasi pari a zero.

L’articolo completo è disponibile su HC #91. Abbonati subito >>>