Sistema di diffusori – Martin Logan Serie ESL/Dynamo 1100X – Elettrostatici per l’HT

5 Novembre 2019
Sistema di diffusori – Martin Logan Serie ESL/Dynamo 1100X – Elettrostatici per l’HT
Diffusori e Soundbar
0

La serie Electromotion di Martin Logan permette di allestire un sistema Home Cinema di livello assoluto grazie alla trasparenza e alle prestazioni degli speaker elettrostatici


COSTRUTTORE Martin Logan – USA DISTRIBUTORE Audiogamma SpA – Tel. 02/55181610 – www.audiogamma.it


PRO
• Prestazioni
• Versatilità
• Estetica

CONTRO
• Ingombri
• Prezzo complessivo




Martin Logan non ha bisogno di alcuna presentazione, rappresentando, letteralmente, una fetta di storia dell’Hi-Fi. In realtà una “porzione” molto particolare, quella dei diffusori elettrostatici, dove solo pochissimi sono i costruttori presenti. ML è leader assoluto, avendo negli anni sviluppato la tecnologia in modo unico, investendo in ricerca e mettendo a punto una tecnica ibrida dinamico/elettrostatico che permette ai prodotti di superare il noto limite di estensione sulle basse frequenze insito nei pannelli. E se nel passato si poteva apprezzare un certo sfasamento temporale tra la sezione dinamica e quella elettrostatica, questo limite è stato adesso abbondantemente superato: l’emissione da qualche anno a questa parte è lineare e continua per tutto lo spettro delle frequenze.

Oggetto dell’articolo è la serie ESL, entry level di ML, che offre una gamma completa di prodotti, due modelli da pavimento, ESL e ESLX, con pannello XStat da 860X220 il primo e 1016X220 il secondo, e singolo woofer da 20cm per ESL e doppio sempre da 20cm per ESLX entrambi bass-reflex, un centrale ESLC con pannello XStat da 584X162, tweeter a nastro Folded Motion da 26X36 e doppio woofer in alluminio da 13cm. Completa la gamma EFX, un diffusore slim line con pannello XStat da 710X220 e un singolo woofer da 16,5cm che può essere utilizzato sia come fronte anteriore che per i canali effetti. La gamma di subwoofer della ML che si accosta a Electromotion si chiama Dynamo e offre prodotti con woofer dai 25 cm ai 38 cm e potenze da 120 W a 900 W e controllo attraverso una app dedicata che non solo permette di controllare il prodotto, ma anche di effettuare una puntuale taratura in ambiente tramite la ARC, Anthem Room Correction, sviluppata da Anthem, azienda che fa parte del gruppo Martin Logan e che – per chi non lo sapesse – realizza elettroniche audio e audio/video di livello molto elevato.


LA PROVA D’ASCOLTO

Chi pensava che i sistemi elettrostatici fossero adatti solo ad un ascolto Hi-Fi, e magari non a tutti i tipi di musica, dovranno ricredersi. Grazie ai continui affinamenti al pannello e alla omogeneità nell’emissione, questi prodotti sono al giorno d’oggi adatti davvero a qualsiasi tipo di contenuto, Home Cinema compreso. Abbiamo svolto la prova d’ascolto prima di tutto con la musica, con risultati impressionanti, tenuto anche conto del prezzo delle ESLX: 4250 euro la coppia nella versione non laccata, che pone questi speaker nella fascia “media” come costo, ma con prestazioni di livello Hi End. Il suono è piacevolissimo, rotondo, trasparente, omogeneo, e non soffre di problemi di direzionalità. Se pilotate a dovere queste ESLX sono in grado di esprimere una qualità che è riduttivo definire sorprendente rispetto al prezzo. Passiamo all’ascolto multi-canale, confermando l’eccellente impressione appena descritta, in particolare il canale centrale è davvero impressionante; la sua emissione è potentissima, estremamente chiara, con una voce corposa e trasparente, davvero da primo della classe. Del tutto surdimensionati i posteriori EFX, è un peccato utilizzare diffusori con quella classe per i canali effetti, consigliamo, a meno che non ci siano delle esigenze particolari, di optare per un prodotto di minore caratura! Infine il subwoofer, di grandi capacità ma soprattutto perfettamente integrato nel sistema grazie all’ARC. Insomma un sistema senza compromessi, in grado di esprimere inaspettate pressioni sonore, con la trasparenza tipica dei sistemi elettrostatici.


L’articolo completo è disponibile su HC #84 in edicola o su abbonamento >>>