TECHNICS SL-1500C

24 Marzo 2020
TECHNICS SL-1500C
Sorgenti
0

Da oltre cinquant’anni Technics è sinonimo di giradischi e l’SL-1500C è l’ultimo esponente di questa avanzata genealogia di prodotti. Un giradischi costruito nel rispetto di severi standard professionali, ma destinato ad un’utenza amatoriale


COSTRUTTORE www.technics.com/it


PRO
• Perfetto isolamento acustico
• Ottima qualità sonora
• Stadio phono integrato
CONTRO
• Regolazione fine della velocità assente e cavi economici


Bello il design dell’SL-1500C, decisamente pulito che ricorda l’estetica degli altri modelli prodotti dal marchio giapponese.

SL-1500 è una sigla che riporta gli appassionati del marchio Technics indietro nel tempo di parecchi anni, e precisamente
a metà degli anni ‘70, periodo in cui tale denominazione descriveva un bel giradischi prodotto dal gruppo industriale Matsushita (oggi Panasonic Corporation) che si poneva come alternativa domestica all’universalmente diffuso e apprezzato (non solo in ambito professionale) SL-1200/1210. I punti in comune tra i due prodotti erano parecchi, a cominciare dall’estetica, quasi identica.
Oggi, a distanza di quasi cinquanta anni, la stroria si ripete, e in casa Technics, con il nuovo SL-1500C hanno pensato di far rinascere una macchina destinata al mercato amatoriale seppur tecnologicamente derivata dai giradischi utilizzati per anni in ambito professionale.

L’SL-1500C può contare su una costruzione davvero ben eseguita, con telaio in alluminio integrato con un materiale composito. Una struttura che unitamente ai piedini in gomma con molla all’interno consente un eccellente isolamento.

TELAIO MULTISTRATO

L’esemplare giunto in redazione era dotato dell’ottima testina Ortofon 2M Red, una scelta azzeccata, sicuramente, ma forse il giradischi meriterebbe qualcosa di più.

In linea con i dettami estetici del marchio giapponese, L’SL-1500C si presenta con uno chassis robusto e massiccio, anche se caratterizzato da un design pulito e decisamente moderno. Il pannello superiore grigio metallizzato copre un telaio realizzato in alluminio pressofuso saldamente integrato con uno speciale materiale composito in ABS e fibra di vetro.
La combinazione dei due materiali ha permesso di innalzare i livelli di rigidità strutturale del giradischi e
di smorzamento delle vibrazioni a tutto vantaggio della qualità della riproduzione. I piedini, come è nella tradizione del marchio, sono realizzati in gomma e contengono al loro interno una molla che consente il massimo assorbimento delle vibrazioni e una straordinaria insensibilità alle interferenze (è sufficiente battere sul piano dove è appoggiato il giradischi per rendersi conto del totale isolamento del giradischi); la testina è in condizione di svolgere al meglio il proprio compito di lettura senza

Il piatto è realizzato in alluminio e ricoperto da un tappetino in gomma antivibrazioni. La cappa in plexiglass è molto robusta e caratterizzata dalla presenza della tradizionale cupola sopra il braccio.

alcuna interferenza proveniente dall’esterno. Il braccio adotta un disegno classico ad S con canna in alluminio. La costruzione della sospensione cardanica del braccio utilizza un alloggiamento a taglio con cuscinetti ad alta precisione.
L’SL-1500C viene venduto in bundle con la testina Ortofon 2M RED, sicuramente un accoppiamento azzeccato, ma la classe dell’apparecchio meriterebbe forse anche qualcosa in più, anche restndo nella stessa gamma Ortofon. Uno degli assi nella manica dell’SL-1500C è senza dubbio il motore che, come in ogni sistema a trazione diretta, è direttamente connesso al piatto. Visto che come in ogni sistema a trazione diretta, la velocità di rotazione del motore è esattamente quella del piatto, il controllo della velocità di rotazione del motore è fondamentale nell’assicurare stabilità.
Le tecnologie acquisite tramite lo sviluppo della Serie SL-1200 e del modello di fascia alta SL-1000R sono state integrate nel motore lineare, che costituisce una parte essenziale del giradischi. L’SL-1500C adotta un motore senza nucleo a rotore singolo, analogo a quello adottato dal modello SL-1200GR.

Il pannello dei collegamenti prevede la doppia uscita (phono/linea) selezionabile tramite una levetta; presente anche il selettore per l’attivazione del sollevamento del braccio automatico a fine disco. Più a destra la vaschetta per il collegamento del cavo di alimentazione rimovibile.

Il giradischi dispone di sezione pre-phono integrata (è possibile quindi selezionare l’uscita phono o linea a seconda delle esigenze) e permette anche di attivare l’automatismo di sollevamento del braccio a fine disco (funzionalità attivabile attraverso un selettore posto sul retro). Rispetto ai tanti modelli Technics che negli anni si sono susseguiti, qui non troviamo la possibilità di intervenire in modo fine sulla velocità di rotazione (mancano i due classici potenziometri che hanno accompagnato molto spesso i giradischi del marchio giapponese). Di fatto, quindi, sarebbe risultata inutile la presenza sul bordo del piatto dei classici pallini per il controllo della velocità di rotazione, che da sempre accompagnano invece tutti i modelli della serie 1200. L’avvio (soprattutto) e l’arresto del piatto sono estremamente veloci, a conferma dell’ottima coppia del motore, che risulta silenziosissimo e decisamente stabile.

Il controllo del motore e la selezione della velocità di rotazione avviene, come tradizione, attraverso i pulsanti posizionati sulla sinistra del piatto.

Sulla sinistra del pannello superiore troviamo i classici pulsanti per l’accensione (on/off), per l’avvio del motore e per la sezione della velocità di rotazione (33-45 e 78 giri tramite pressione congiunta dei due pulsanti). Caratteristica è la bombatura
del plexiglass sopra il braccio, analogamente a quanto avviene nei modelli della serie 1200.
Una volta montato lo shell con la testina all’estremità del braccio è sufficiente posizionare il contrappeso sulla grammatura indicata per la testina Ortofon 2M Red (1,8 g) e regolare la manopola dell’antiskating al medesimo valore. Un giradischi realmente plug&play quindi, che nel giro di due o tre minuti è già pronto per funzionare e assicurare ore e ore di piacevole intrattenimento musicale.

L’articolo completo è disponibile su HC #86 in edicola o su abbonamento >>>