Videosorveglianza: gli Animals di Parson cambiano le forme

17 Novembre 2014
Videosorveglianza: gli Animals di Parson cambiano le forme
Sicurezza e videosorveglianza
0

Gli Animals di Parson introducono un nuovo concetto di videosorveglianza basandosi su un rivoluzionario design e incentivando l’artigianato italiano.

 

Dopo essere state esposte e premiate a San Francisco, New York, Miami, Milano (Milan Design week 2014), le telecamere intelligenti Animals di Parson sono ora reduci di un grande successo riscosso alla Maker Faire di Roma ad ottobre. Esse rappresentano la prima collezione di Parson, un progetto diventato brand nato nel 2010 dall’incontro tra la tecnologia di Video Systems – azienda italiana di eccellenza a livello internazionale nel campo della visione artificiale per l’industria – e giovani designer italiani dello IAAD di Torino.

L’obiettivo di Parson è quello di utilizzare il know-how di Video Systems (sviluppato per applicazioni in ambienti estremi come laminatoi, acciaierie e vetrerie), per progettare oggetti intelligenti che migliorino la vita di tutti i giorni unendo alta tecnologia, design e artigianato italiano. Pensata per le Smart City e le Smart Home, Animals è l’innovativa linea di telecamere intelligenti che rivoluziona il concetto di videocamera a 360°.

Parson_Animals Collection

Design rivoluzionario

A livello di design, il concept straordinariamente originale propone un’alternativa alla tradizionale forma della videocamera da esterni, offrendo un look che si armonizza con l’ambiente circostante e che diventa elemento di arredamento (oltre che di distinzione), nonché parte integrante del luogo in cui viene posizionato. Le telecamere Animals, inoltre, riducono il cattivo impatto visivo prodotto dagli attuali sistemi di videosorveglianza e abbattono l’effetto intimidatorio dell’oggetto in sé.

Parson_DSC_0202

Verso una gestione smart degli ambienti pubblici e privati

Ma oltre alle forme, molto innovative sono anche le performance tecnologiche. Grazie a un sensore base da 3 megapixel e ai processori di ultima generazione, le telecamere Parson offrono una serie di applicazioni che trasformano i dispositivi da semplici sistemi di registrazione video in generatori di informazioni utili per la gestione della città e degli ambienti domestici.

Un esempio è il sistema di calcolo e analisi del traffico: posizionate nelle strade cittadine, le Animals sono dunque in grado di comunicare il numero di auto al minuto transitate rilevando ingorghi e collezionando informazioni utili nel breve periodo (segnalare le strade eccessivamente trafficate), nel medio periodo (mappare le trasformazioni e gli andamenti del traffico cittadino nei vari archi di tempo) e nel lungo periodo, come comprendere quali strade hanno priorità nella riqualificazione.

Contestualmente, in tema di sicurezza, le Animals dispongono di un circuito contapersone, effettuano l’analisi dei percorsi standard, i movimenti consueti e la conseguente intercettazione di anomalie, quali la corsa improvvisa di un individuo (utile quindi per esempio per l’intercettazione di furti e scippi). Per quanto riguarda la trasmissione dei dati registrati, le videocamere inviano i filmati solo nel caso in cui riconoscono l’importanza delle immagini visualizzate oppure in caso di richiesta diretta dell’uomo. Questa caratteristica permette alle Animals di Parson di sopperire alla mancanza di banda larga in determinate zone.

 

Ancora, la tecnologia di riconoscimento facciale integrata nelle Animals permette al dispositivo (interfacciandosi con l’impianto di antintrusione esistente) di verificare se il volto dell’individuo che cerca di disabilitare il sistema (colui che digita il codice) è effettivamente un membro della famiglia o abitante nella casa. Qualora non lo fosse, la telecamera può impedire la disabilitazione del sistema ed inviare una mail di allarme completa di foto della persona che ha cercato di disabilitare l’antifurto. La lettura targhe, poi, oltre ad avere una forte utilità per applicazioni pubbliche (controllo varchi ZTL per esempio), risulta molto utile in àmbito privato come per l’apertura/chiusura intelligente del portone di casa.

Parsonowl borgo antico

Artigianato italiano

Di grande rilievo anche la scelta produttiva: la produzione delle Animals non è infatti industriale e seriale, ma viene effettuata artigianalmente. Il case esterno di tutti i modelli Parson Animals è un monoblocco unico di alluminio prodotto con la tecnica degli stampi in terra a perdere: fusioni artigianali rifatte per ogni nuovo pezzo con stampi differenti ogni volta. Si potrebbe dire che “quando nasce l’animale, muore il suo stampo”, rendendo ogni Animals unica, diversa da tutte le altre. Il pezzo viene lavorato da un’azienda meccanica artigiana per poi essere verniciato manualmente da un restauratore d’auto d’epoca. Questo tipo di verniciatura (che utilizza prodotti destinati al settore automotive) migliora le caratteristiche di resistenza alle intemperie e, dunque, la preservazione dell’oggetto nel tempo. Per la realizzazione di Animals Parson ha scelto di avvalersi della collaborazione di una filiera di artigiani veneti e friulani, valorizzando e sostenendo le eccellenze produttive del proprio territorio di origine. Per minimizzare l’impatto ambientale, infine, sono state ottimizzate le fasi del ciclo di vita del prodotto e sono stati ridotti al minimo indispensabile i pezzi necessari per l’assemblaggio di ogni unità, scegliendo materiali che consentissero di realizzare un dispositivo completamente riciclabile.

 

In poco tempo, gli Animals di Parson hanno suscitato un forte interesse da parte di architetti e interior designer internazionali, sia per applicazioni in ambienti domestici, ville, parchi e resort di lusso, sia all’interno di aree pubbliche come videocamere intelligenti per le aree urbane e le smart city di domani. Trovarsele di fronte, in prossimità di qualche incrocio attraverso cui passiamo ogni giorno, sarebbe davvero un bell’effetto. E non solo per l’ambiente.

www.parson.it